Vai ai contenuti | Spostati sulla navigazione

Chi siamo

La mattina del 23 agosto 1944 nell’area del Padule di Fucecchio alcune unità dell’esercito tedesco in ritirata hanno massacrato 176 persone inermi. Per molto tempo il ricordo della strage si è conservato solo negli interstizi della memoria collettiva: è stato soltanto alla fine del secolo scorso che il Comune di Cerreto Guidi, capofila di un nutrito consorzio di enti locali, ha commissionato una sistematica raccolta di testimonianze, che ha avuto come esito un film documentario (Eccehomini. Ricordi di una strage) e successivamente un piccolo libro (Popolo se m'ascolti… Per le vittime dell'eccidio del Padule di Fucecchio).

Si sono così andate accumulando esperienze, informazioni e soprattutto un ricco corpus di materiali scritti e audiovisivi: documenti, immagini, interviste sulle esperienze locali al tempo della seconda guerra mondiale e negli anni del dopoguerra. 

Di qui l’idea di valorizzare questo patrimonio, mettendolo a disposizione dei cittadini, delle scuole, degli interessati, facendone il volano di attività legate non solo al ricordo della strage, ma più in generale alla conoscenza del territorio e della sua storia, alla riflessione sui valori civili e sulle tragedie della guerra, alla promozione di una cultura del rispetto delle identità e del dialogo fra le culture. 

Fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Cerreto Guidi, e grazie al contributo della Regione Toscana, MuMeLoc è stato inaugurato nel dicembre 2011. 

Il museo

MUmeLOC MUSEO DELLA MEMORIA LOCALE CERRETO GUIDI